DI COSA SI OCCUPA L’ORTODONZIA GENERALE?

La disciplina dell’ortodonzia generale si occupa della correzione delle malocclusioni, ovvero dei difetti di allineamento dei denti (estetica) e di ingranaggio delle arcate dentarie tra di loro (occlusione), in particolare nel processo di masticazione. L’ortodonzia può essere suddivisa in tre differenti sottodiscipline:

  1. ORTODONZIA INTERCETTIVA. E’ quella deputata ad intercettare i difetti di crescita scheletrica prima che si completi la dentatura definitiva. Fondamentale dunque per i bambini e gli adolescenti.
  2. ORTODONZIA CLASSICA. Si occupa di correggere i difetti di posizione o gli errori nei rapporti dei denti tra loro o con i loro antagonisti, oltre a deviazioni, inclinazioni, rotazioni, malposizioni in riferimento alle masse muscolari della bocca, della lingua e delle labbra. Può essere intrapresa anche quando la dentizione definitiva non è ancora completa.
  3. ORTODONZIA PREPROTESICA. Si occupa di modificare le inclinazioni, le rotazioni o le estrusioni (ovvero crescite anomale) di elementi dentari che non hanno più il loro antagonista. Una delle operazioni più frequenti, ad esempio, consiste nel ricreare gli spazi persi a causa di estrazioni precoci. Ha anche lo scopo di “preparare il terreno” (con spessori, spazi e altezze adeguate) ad una successiva ricostruzione protesica.

Le diverse tecniche (con metodi, tempi e modi diversi) tendono tutte allo stesso scopo: il ripristino di una corretta funzione masticatoria in abbinamento ad una buona estetica.

 

Prenota la tua visita

Contattarci è semplice e veloce. Chiamaci o compila il form. Il nostro staff si prenderà cura di te!

COS’E’ L’ESTRAZIONE DENTARIA?

L’estrazione dentaria è una procedura chirurgica attraverso la quale si asporta un dente che risulta essere fortemente compromesso e quindi non recuperabile attraverso le tradizionali cure dentarie. Possono esserci due tipi di estrazione:

  1. ESTRAZIONE SEMPLICE Quando viene eseguita su un dente ben visibile e totalmente esterno alla gengiva. In questo caso il dentista, dopo aver accuratamente anestetizzato il dente malato o problematico, può estrarlo semplicemente facendo pressione con appositi strumenti.
  2. ESTRAZIONE CHIRURGICA Si tratta di un’operazione più complessa, eseguita su denti che possono essere parzialmente o totalmente nascosti dalla gengiva (inclusione parziale o totale). In questo caso occorrerà procedere con una precisa incisione preliminare sulla gengiva e, quando necessario, ad una rimozione di alcuni frammenti di osso. L’intervento può essere eseguito in anestesia locale o generale.